Mercoledì, 13 Aprile, 2022

<È un binomio dalla drammaticità ciclica che non può più essere tollerato: crescita economica, sviluppo produttivo, aumento grave degli infortuni mortali sul lavoro>. È quanto sottolinea il segretario confederale della Cisl Angelo Colombini commentando gli incidenti mortali sul lavoro degli ultimi giorni. <Le risorse economiche del PNRR, gli incentivi economici e la spinta alla ripresa sono sicuramente segnali di grande rilevanza per un Paese che, come l’Italia, ha pagato molto le conseguenze della pandemia. Prima di tutto in termini di vite umane, ma in modo non meno rilevante sul fronte delle perdite, dal punto di vista dell’occupazione, del potere di acquisto delle famiglie, della certezza del lavoro. Ma la crescita degli accadimenti mortali sul lavoro, confermata non solo dai dati pubblicati dall’INAIL, ma dalla quotidiana triste cronaca, non può essere il prezzo da pagare per una ripartenza degna di essere considerata tale. I segnali sono già evidenti di un fenomeno che si sta consolidando e che se non interrotto andrà solo crescendo. La forte migrazione che sta avvenendo tra le occupazioni deve prevedere interventi specifici di accompagnamento nell’acquisizione delle nuove competenze. Con la flessione importante, difatti, avuta in molti settori, a partire dalla ristorazione e dal turismo, molti lavoratori stanno approdando al mondo dell’edilizia, in forte crescita e ricerca di manodopera per far fronte all’ampia richiesta di interventi spinti dal bonus del 110%, così come anche i grandi lavori che si andranno a realizzare sul piano delle reti infrastrutturali della mobilità ferroviaria e dell’energia, resi possibili dai finanziamenti comunitari. Se le modifiche normative recenti in tema di salute e sicurezza sul lavoro hanno indubbiamente posto le premesse per una stretta di vite rilevante in termini di prevenzione e repressione, compresa la riforma che dovrà essere attuata entro fine giugno dell’intera materia della formazione, l’urgente presidio costante sulle diverse realtà lavorative, a partire proprio dall’edilizia, specie nelle piccole imprese ed ancor più quando di nuova costituzione, è fondamentale. Auspicare ad un massivo controllo da parte degli organi di vigilanza non può essere la risposta univoca, anche a fronte dell’aumento degli organici di recente realizzato. Occorre garantire la presenza delle rappresentanze, prioritariamente quelle specifiche sui temi della tutela e della prevenzione, in ogni contesto lavorativo. Su questo la Cisl negli anni si è sempre impegnata non solo nel promuovere l’aumento nei numeri degli RLS e, sul territorio, degli RLST, ma soprattutto per la loro formazione e costante aggiornamento, aggiuntivi a quanto previsto a carico delle aziende>.

Elezioni RSU 2022

Servizi Fiscali CAF

 

 

 

Via VESPUCCI 5 - 56125 PISA
Tel. 050 581001 - Fax. 050 518269

 

You Tube Video

You Tube Channel

GUARDA TUTTI I VIDEO
del nostro Canale You Tube

il Quotidiano della Cisl

la Tv della Cisl

Tesseramento CISL

Sportello Lavoro

EMERGENZA COVID-19

 

 

CISL FP: CORSO Regione Toscana

CGIL-CISL-UIL STOP VIOLENZA SULLE DONNE

DECRETO CURA ITALIA

Convenzione a livello nazionale per gli iscritti CISL

Convenzioni a livello locale per gli iscritti CISL